Siamo tutti parenti, tutti differenti” André Langaney

DiverSimili è un progetto regionale nato per sensibilizzare i cittadini a tematiche di natura scientifica, quali la biodiversità umana e affrontare in modo originale le più attuali problematiche di natura sociale, come l’integrazione e l’inclusione.

L’iniziativa prevede interventi, rivolti a studenti di ogni ordine e grado e pubblico generale, realizzati attraverso un approccio innovativo, che utilizza le metodologie di learning by doing, edutainment, peer education e citizen science.

Il progetto vede Kaleidoscienza come capofila, accompagnata da diverse realtà locali, quali l’Istituto di Genomica Applicata, OIKOS Onlus, l’Istituto comprensivo di Basiliano e Sedegliano, l’Associazione Ideo. Grazie ai partner del progetto sarà possibile coinvolgere le minoranze etniche, gli immigrati, i profughi per invitarli a contribuire al progetto e rendere visibile la loro presenza sul territorio.

Il progetto si pone l’obiettivo di diffondere cultura scientifica quale requisito indispensabile di una cittadinanza attiva, partecipe e consapevole, perché diventi capace di comprendere i cambiamenti e le odierne sfide globali e prenda coscienza di quanto ci assomigliamo e ci accomuna, pur nelle nostre differenze.

Per maggiori informazioni sul progetto www.diversimili.it (in allestimento).

Potrebbe interessarti anche...

  • Call per operatori didattici – DiverSimiliCall per operatori didattici – DiverSimili Ti piace la scienza? Sei formato in discipline scientifiche? Vorresti lavorare a contatto con i giovani? Stiamo cercando te! Nei mesi di ottobre e novembre partono le nostre nuove […]
  • <!--:it-->Mini Scienza Lab<!--:-->Mini Scienza Lab Kaleidoscienza presenta tre laboratori scientifici all'interno del progetto Mini scienza lab, per Udinestate bambini. L'appuntamento è per il 17, 31 luglio e 7 agosto presso la Sala A […]
  • toccare1La formazione come piace a noi Dedichiamo un piccolo spazio al "dietro alle quinte" di Kaleidoscienza, per capire come si preparano gli operatori a svolgere le attività didattiche. La noia non è ammessa. Non ci credete? […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!